gevbologna.org

  • Italian
  • English
  • Spanish
  • French
  • German
  • Portuguese
  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Benvenuti nelle pagine delle GEV di Bologna

Bologna - Al 43% la differenziata... (Da Il Corriere di Bologna)

E-mail Stampa PDF

BOLOGNA — A Bologna la raccolta differenziata dei rifiuti arriva al 43,1% con uno spicchio di città, cioè la parte del centro storico che ricade sotto il quartiere San Vitale, capace di un balzo in avanti fino al 63%. Sono i dati diffusi dal Comune e da Hera. La performance del San Vitale premia l’entrata in funzione delle 34 mini-isole ecologiche, la raccolta domiciliare estesa anche all’indifferenziato e le nuove modalità di raccolta dedicate ai commercianti. L’assessore all’Ambiente di Palazzo D’Accursio, Patrizia Gabellini, fatica a trattenere la gioia: «Sono dati abbastanza meravigliosi rispetto alle nostre aspettative». Tanto che, rivela l’assessore, «li abbiamo controllati e ricontrollati per accertarci che fossero davvero così buoni».

CENTRO BOOM — Se dalla porzione del San Vitale arrivano cifre «assolutamente strabilianti», Gabellini sottolinea che anche l’intero centro storico dà motivi per essere soddisfatti: rispetto a inizio mandato la differenziata è praticamente raddoppiata, essendo passata dal 17% al 33%. In crescita costante anche il dato relativo alla città nel suo insieme: 39% nel 2013, 40,8% nel 2014 e ora 43,1% come media dei primi due mesi del 2015 (42,2% a gennaio e 44,1% a febbraio). «La città risponde molto bene», commenta Gabellini: «C’è da ringraziare i cittadini, perché è merito loro se c’è questo tipo di risposta, oltre che nostro per aver creato le condizioni affinché si possa differenziare nel miglior modo possibile». E ulteriori azioni sono già in arrivo: isole interrate al Porto e introduzione al Savena delle calotte che limitano la possibilità di conferire l’indifferenziato. Con queste misure, «abbiamo motivo di pensare che chiuderemo il mandato con risultati molto buoni per la città e promettenti per il futuro», afferma Gabellini.

AUMENTI IN ARRIVO? — Ma dietro l’angolo ci sono anche ulteriori aumenti della Tari? Nulla di già deciso, assicura Gabellini, ma è pur vero che c’è la necessità di «ammortizzare questi investimenti nel tempo», cercando di tradurre ciò in costi «sopportabili» per i cittadini. L’obiettivo, ricordano Palazzo D’Accursio e Hera, è portare la differenziata al 50% nel 2016. Intanto, «i dati qualitativi sono ancora più interessanti di quelli quantitativi», segnala Sandro Boarini, responsabile Ambiente di Hera per Bologna: la purezza della frazione organica supera il 93%, quella del vetro va oltre il 95%. In altre parole: «Chi fa la differenziata — certifica Boarini — la fa davvero bene».

L’AIUTO DELLE GUARDIE — Tornando al centro storico, il dirigente del settore Ambiente di Palazzo D’Accursio, Roberto Diolaiti, ricorda il «lavoro preziosissimo» svolto dalle Guardie ecologiche volontarie (Gev), sia in termini di «tutoraggio» che sul versante delle sanzioni. Tanto che, aggiunge Diolaiti, altri Comuni (in Emilia-Romagna e non solo) intendono mutuare la convenzione. Nel 2015 le Gev hanno già firmato 340 verbali, riferisce il vicepresidente Merli, 128 dei quali in San Vitale. Di questi, 38 riguardano conferimenti di differenziato fuori orario e 90 sono gli abbandoni di sacchi non differenziati che, spiega Merli, sono tutti riconducibili ad esercizi commerciali; 61 esercenti hanno già ricevuto la notifica, per altri 23 l’iter e’ sospeso perché si tratta di recidivi e si dà un certo margine di tempo per «correggere il tiro», spiega Merli. Il tema dei conferimenti irregolari da parte dei commercianti, dunque, esiste. Gabellini, però, fa notare che sul migliaio di utenze non domestiche presenti del centro storico di San Vitale sono 288 gli esercizi che hanno attivato con Hera il servizio di raccolta concordata.

Bologna - Raccolta differenziata rifiuti, grandi risultati (dal sito del Comune di Bologna)

E-mail Stampa PDF

Vola la raccolta differenziata dei rifiuti in città. In centro storico porta a porta e mini isole interrate fanno arrivare la differenziata al 63%. Buona partenza per i cassonetti con calotta a Savena.

Un traguardo importante da raggiungere: 50% di raccolta differenziata a Bologna nel 2016, poche grandi città italiane ci sono riuscite. Nella provincia di Bologna ogni giorno produciamo circa 1,5 chili di rifiuti a testa, una quantità significativa che, conferita correttamente con la raccolta differenziata, permette la trasformazione dei rifiuti in risorse preziose.

L’entrata in funzione di 34 mini isole interrate nel centro storico, la raccolta domiciliare a sacchi estesa anche al rifiuto indifferenziato e le nuove modalità di raccolta dedicate ai commercianti, hanno consentito il raggiungimento di un risultato, nella parte del quartiere San Vitale che ospita le isole, decisamente lusinghiero: il 63% di raccolta differenziata. Questo risultato, oltre a essere quantitativamente ottimo, è dal punto di vista qualitativo, mediamente superiore ai valori dei materiali recuperati nei territori da Hera.

Prossimamente il progetto di raccolta con mini isole interrate a sacchi domiciliari, sarà estesa al quartiere Porto, nel quale è prevista l’entrata in funzione di 42 isole, oltre ovviamente alla raccolta domiciliare a sacchi estesa anche al rifiuto indifferenziato.

Le Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) sono incaricate dal Comune a vigilare sulla corretta applicazione delle regole alla base di una buona raccolta differenziata. Nei primi mesi dall’introduzione del sistema isole e raccolta domiciliare, e relativa sparizione dei cassonetti, le GEV hanno effettuato oltre 300 verbali per abbandono di rifiuti in maniera scorretta.

Su tutto il territorio del quartiere Savena si trovano i nuovi cassonetti con calotta per i rifiuti indifferenziati: un sistema che limita la possibilità di conferire grandi quantitativi di rifiuto nei cassonetti grigi e incentiva la raccolta differenziata; impedisce l’inserimento nel cassonetto grigio dei sacchi grandi che contengono spesso materiale riciclabile e di alcune tipologie di rifiuto, magari ingombranti, che invece vanno raccolti o presso le stazioni ecologiche o tramite il servizio di ritiro domiciliare gratuito.

L’applicazione delle calotte ai cassonetti dell’indifferenziato, consente di inserire solo piccole quantità di rifiuti (sacchetti da 20-22 litri) in ogni momento della giornata  e induce la consapevolezza che se si differenzia correttamente il rifiuto non riciclabile è davvero una piccola parte.

Considerando le novità introdotte negli ultimi anni nel centro storico, a fine dicembre 2014 la percentuale di raccolta differenziata raggiunta dal territorio comunale si attestava al 41%, facendo registrare un + 18% dal 2002, anno della costituzione di Hera. Ad oggi questa percentuale è salita al 43% grazie all’introduzione della raccolta differenziata in centro e di altre iniziative attuate con continuità.

Differenziata, Bologna ingrana la marcia giusta (da Repubblica.it)

E-mail Stampa PDF

Oltre 300 verbali delle Guardie ecologiche dall'inizio dell'anno

Nella parte di centro storico che ricade sotto il quartiere San Vitale la raccolta differenziata arriva al 63%, 20 punti percentuali in più della media cittadina, 43,1%. Un risultato possibile grazie all'installazione delle 34 mini-isole interrate per organico e vetro, alla raccolta domiciliare che, dopo la carta e la plastica, ora comprende anche l'indifferenziata, e le nuove modalità di raccolta dedicate ai commercianti.

"Sono dati abbastanza meravigliosi rispetto alle nostre aspettative", commenta l'assessore Patrizia Gabellini, così inattesi che "li abbiamo controllati e ricontrollati per accertarci che fossero davvero così buoni". Se dalla porzione del San Vitale arrivano cifre "assolutamente strabilianti", tutto l'intero centro storico sembra aver ingranato la marcia giusta: rispetto a inizio mandato la differenziata è raddoppiata,passando dal 17% al 33%. E un balzo in avanti lo fa tutta la città, dal 39% del 2013 al 43% di oggi.

"La città risponde molto bene", commenta Gabellini: "C'e' da ringraziare i cittadini, perché è merito loro se c'è questo tipo di risposta, oltre che nostro per aver creato le condizioni affinché si possa differenziare nel miglior modo possibile". E ulteriori azioni sono già in arrivo: isole interrate al Porto e introduzione al Savena delle calotte che limitano la possibilità di conferire l'indifferenziato. Con queste misure, "abbiamo motivo di pensare che chiuderemo il mandato con risultati molto buoni per la città e promettenti per il futuro", afferma Gabellini.

Nulla è ancora deciso in merito a possibili aumenti della Tari, ma è pur vero che c'è la necessità di "ammortizzare questi investimenti nel tempo", cercando di tradurre ciò in costi "sopportabili" per i cittadini. L'obiettivo, ricordano Palazzo D'Accursio e Hera, e' portare la differenziata al 50% nel 2016.

Non trascurabile nemmeno il numero di verbali fatti dall'inizio dell'anno dalle Guardie ecologiche volontarie: sono 340.

Alla scoperta degli animali del Parco

E-mail Stampa PDF
Allegati:
FileCaricato daDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Caccia all'animale 2015.pdf)animali_parco_2015.pdfRiccardo Capecchi498 Kb93

Domenica 29 marzo 2015
Parco della Chiusa (ex Talon) Casalecchio di Reno
alla scoperta degli animali del Parco
2a edizione gioco di EDUCAZIONE AMBIENTALE Organizzato dalle Guardie Ecologiche Volontarie (Orienteering verde)

La “CACCIA” è aperta a tutti, è un piacevole gioco ed una passeggiata in un area riconosciuta Sito di Interesse Comunitario -SIC- e Zona a Protezione Speciale -ZPS - ( progetto della Comunità Europea RETE NATURA 2000 )

Per scoprire ed acquisire semplici nozioni sugli animali del nostro Parco. la partecipazione è gratuita; (i minori devono essere accompagnati da un adulto che deve rilasciare manleva sulla partecipazione dei propri tutelati, sono indispensabili scarpe con suola scolpita adatte ad un percorso in salita e discesa ed un abbigliamento congruo all’ambiente boschivo , gli organizzatori posso interdire l’accesso alla manifestazione a chi non è adeguatamente attrezzato)

Leggi tutto...

Pagina 1 di 15

You are here
News